Messaggio di errore

User warning: The following module is missing from the file system: l10n_install. For information about how to fix this, see the documentation page. in _drupal_trigger_error_with_delayed_logging() (line 1143 of /var/www/clients/client42/web421/web/includes/bootstrap.inc).
Pesca TartaFree

La tartaruga marina

Nelle acque del Mediterraneo si registra la presenza di tre delle sette specie di tartarughe marine esistenti: la tartaruga comune Caretta caretta, la tartaruga liuto Dermochelys coriacea  e la tartaruga verde Chelonia mydas.

La più comune nei nostri mari è senz’altro la Tartaruga comune (Caretta caretta), mentre la Tartaruga verde (Chelonia mydas) è meno frequente e per ragioni climatiche preferisce le coste del Mediterraneo orientale; la Tartaruga liuto (Dermochelys coriacea) è di comparsa eccezionale nei nostri mari e, a differenza delle altre due, non nidifica sulle coste Mediterranee.

Dermochelys coriacea ha una corazza priva di placchette cornee e formata da placchette ossee disposte a mosaico; il carapace ha un colore nerastro o bruno scuro con macchie chiare. Questa specie è la più grande tra le tartarughe marine raggiunge dimensioni molto superiori alle altre due specie (gli esemplari adulti possono superare i 2 metri di lunghezza e i 600 chili di peso).

Chelonia mydas ha una colorazione della corazza bruno-olivastra, con striature e macchie gialle o marmorizzate. La specie si distingue dalle altre tartarughe marine per la conformazione del carapace, che è dotato di quattro paia di scuti costali, una sola placca prefrontale sulla testa, che è robusta, voluminosa ed arrotondata, la punta del becco corneo della mascella superiore non ricurvo ad uncino e gli scudi del carapace mai embricati. Gli esemplari adulti possono raggiungere la lunghezza di 140 cm circa e un peso di 500 kg. Chelonia mydas presenta uno stile di vita simile a quello della Caretta caretta, dalla quale differisce soprattutto per via delle imponenti migrazioni che questa specie compie. Caretta caretta è più stanziale e sedentaria, sebbene anch’essa sia in grado di compiere ampie migrazioni.

 




TartaLife è un progetto di

  • ISMAR Istituto di Scienze Marine - CNR Consiglio Nazionale delle Ricerca

partner del progetto TartaLife

  • Area marina protetta - Isole Egadi
  • Area marina protetta - Isole Pelagie
  • Fondazione Cetacea Onlus
  • Parco Nazionale dell'Asinara
  • Consorzio Unimar
  • Legambiente
  • Provincia Regionale Agrigento

cofinanziatori del progetto TartaLife

  • Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
  • Regione Marche

con il contributo di

  • Life
  • Rete Natura 2000


×

ideazione e realizzazione web site di:

e-xtrategy - internet way

via sant'Ubaldo, 36 - 60030 monsano (an) Italy
tel. +39.0731.60225

www.e-xtrategy.net
info@e-xtrategy.net